/images/flash.swf">
Get Adobe Flash player

Tour operator alle Canarie

QUESITO
Ci è stato richiesto l’iter per l’apertura di un tour operator / agenzia di viaggi alle Canarie.

PREMESSA

Per esercitare un’attività di Agenzia Viaggi/Tour Operator alle Canarie, l’impresa deve presentare una comunicazione o dichiarazione di responsabilità alla Direzione Generale di Turismo della Comunità Autonoma in cui sia stato fissato il domicilio sociale dell'azienda.

Questa dichiarazione di responsabilità viene regolata dalle Leggi del turismo delle diverse Comunità Autonome, per cui si dovrà fare riferimento alla legislazione corrispondente.

Per aprire un Tour operator sotto forma di impresa, i passi da seguire sono i seguenti:

1- Costituzione societaria, scelta della denominazione che non dovrà corrispondere a nessun altro già esistente; “nulla-osta” alla denominazione (Certificado negativo del nombre), è una certificazione attestante che il nome scelto per la Società non coincide con nessun’altra esistente; va richiesta, prima di andare dal Notaio, al Registro Mercantile Centrale (Camera di Comercio) della Comunità Autonoma corrispondente e si deve presentare un’istanza ufficiale con i nomi alternativi (massimo di 3 in ordine di preferenza);
2- Apertura di un conto bancario a nome della società, versando il capitale minimo iniziale della società. La Banca rilascerà il certificato da presentare al Notaio. Successivamente si potrà utilizzare il denaro versato;
3- Rivolgersi al notaio per l’elaborazione dello Statuto e dell’Atto Costitutivo;
4- Pagamento dell’imposta sui trasferimenti patrimoniali aziendali;
5- Iscrizione nel registro mercantile delle società, entro 30 giorni dalla costituzione della società. Una volta iscritta, la società assumerà personalità giuridica.
6- Una volta costituita la società e per poter iniziare con l’attività d’impresa si devono realizzare i passi seguenti:
7- Richiesta di codice fiscale (Código de Identificación Fiscal - CIF);
8- Iscrizione al Registro delle Attività Economiche;
9- Dichiarazione IVA. È la dichiarazione di inizio, variazione, cessazione dell’attività, che va presentata per gli effetti fiscali dagli imprenditori, i professionisti e altri soggetti obbligati prima di iniziare l’attività (modello 036);
Una volta costituita l’impresa nella forma giuridica preferita, se si desidera creare un’agenzia di Viaggi/tour operator i passi che si devono fare sono i seguenti:
- Costituire una contratto di assicurazione o una fidejussione per rispondere dell’assolvimento degli obblighi derivanti dalla prestazione dei servizi diretti al consumatore e specialmente del rimborso dei fondi depositati in caso di insolvenza o fallimento. Tale contratto può consistere in un’assicurazione o in una garanzia bancaria;
- Gli importi di garanzia variano a seconda che si voglia costituire un’agenzia “mayorista” (Grossista = Tour Operator), che “minorista” (agenzia viaggio al dettaglio), che entrambi;
- Ogni comunità autonoma (regione) stabilisce i propri importi, per cui si dovrà far riferimento alla legge delle agenzie di viaggio della regione in cui si è stabilita la sede sociale, per conoscere gli importi minimi legali.
10- Stipulare una polizza di Responsabilità Civile con 3 rami di copertura (Responsabilità Civile di Trasporto, danni patrimoniali primari indiretta o sussidiaria) il cui importo minimo lo stabilisce la normativa per le agenzie di viaggio della rispettiva regione. Bisogna tenere presente che in alcune regioni non è obbligatoria la suddetta assicurazione di Responsabilità civile. Ciononostante è consigliabile stipularla per una questione di tranquillità e sicurezza necessaria per il normale svolgimento delle attività abituali, in relazione ai reclami che potrebbero presentare i clienti o i rischi che potrebbero sorgere nello svolgimento dell’attività.
11- Una volta che disponiamo della documentazione originale del contratto di garanzia/fidejussione bancaria e dell’assicurazione rischi si deve presentare la documentazione presso la Tesorería de Caja de la Consejería de Hacienda de la Comunidad respectiva.
12- A questo punto si deve presentare alla Direzione Generale del Turismo della regione corrispondente, la seguente documentazione:
• Dichiarazione di responsabilità. Con questo si dimostra che l’impianto soddisfa i requisiti delle norme applicabili, così come comunicherà tutte le variazioni dei dati contenuti nella dichiarazione iniziale alla Direzione Generale del Turismo della Comunità corrispondente.
• Copia dei contratti a nome dell’impresa o titoli che provano la disponibilità dei locali o degli uffici a favore dell’impresa che richiede la licenza.
• Prova di aver presentato in azienda la documentazione che attesta la costituzione della garanzia bancaria.
Se il richiedente è una compagnia o società commerciale deve presentare: copia firmata dell’atto costitutivo e dello Statuto sociale, debitamente iscritto nel registro delle imprese, il codice fiscale e i dati del richiedente.
Una volta effettuati tutti i suddetti passaggi, si può cominciare a operare come Agenzia di viaggi senza alcun rischio che, successivamente, la Direzione Generale del Turismo possa fare alcuna ispezione per controllare che si sia compiuto tutto secondo la legge.

LA ZONA SPECIALE CANARIA (ZEC)
La Zona Speciale Canaria è un regime di bassa imposizione che si crea nel quadro del Regime Economico e Fiscale (REF) delle Canarie con lo scopo di promuovere lo sviluppo economico e sociale dell'arcipelago e diversificare la sua struttura produttiva.
La Zona Speciale Canaria è stata autorizzata dalla Commissione Europea nel gennaio del 2000.
Successivamente si è proceduto, da parte del Governo Spagnolo, all'adattamento della normativa Regime Economico e Fiscale delle Canarie relativamente alla ZEC, secondo i termini di detta autorizzazione.
Il godimento dei benefici della Zona Speciale Canaria ha vigenza fino al 31 dicembre dell'anno 2019, prorogabile previa autorizzazione della Commissione Europea.
L'autorizzazione per l'iscrizione nel Registro Ufficiale di Enti ZEC (Registro Oficial de Entidades ZEC - ROEZEC) avrà come limite temporale iniziale il 31 dicembre dell'anno 2013.

SOGGETTI CHE POSSONO INSEDIARSI NELLA ZEC
In generale, tutti quegli enti che pretendano sviluppare un'attività industriale, commerciale o di servizi, inclusi in una lista di attività permesse, descritte nell'allegato del Regio Decreto Legge 2/2000.
La ZEC si estende in tutto il territorio canario con determinate particolarità:
• Nel caso di Enti il cui oggetto sia la realizzazione di attività di servizi, potranno stabilirsi in qualsiasi parte del territorio canario.
• Nel caso di Enti il cui oggetto sia la produzione, trasformazione, manipolazione e commercializzazione di merci, il loro insediamento sarà limitato a determinate aree specifiche destinate a tale scopo.
Queste aree specifiche sono situate in prossimità dei porti ed aeroporti canari distribuite come segue:
- Gran Canaria: 150 ettari divisi in 5 zone
• Tenerife: 150 ettari divisi in 5 zone
- La Palma: 50 ettari divisi in 2 zone
- El Hierro, La Gomera, Lanzarote e Fuerteventura dispongono di 25 ettari ciascuna ed un' unica zona autorizzata per isola.
REQUISITI
Essere un Ente di nuova creazione con domicilio e sede di direzione effettiva nell'ambito geografico della ZEC.
• Almeno uno degli Amministratori dovrà risiedere alle Canarie.
• Realizzare un'investimento minimo di 100.000 € in attivi fissi relativi all'attività entro i primi due anni dal momento della sua autorizzazione.
• Creare almeno 5 posti di lavoro entro i 6 mesi successivi al momento dell'autorizzazione, e mantenere come minimo questa media durante gli anni di iscrizione alla Zec.
• Costituire come oggetto sociale la realizzazione, nell'ambito della Zec, di una delle attività descritte a continuazione:

LISTA DI ATTIVITA'
Attività di produzione, trasformazione, manipolazione e distribuzione all'ingrosso di merci:
• Pesca (NACE B)
• Alimentazione, Bevande e Tabacco (NACE DA)
• Confezione e pelletteria (NACE 17.4, 17.5, 17.6., 17.7, e 18)
• Cuoio e calzature (NACE DC)
• Carta, editoria, arti grafiche e riproduzione di supporti incisi (NACE DE)
• Chimica (NACE 24)
• Prefabbricati per la costruzione (NACE 45.25, 45.3, 45.4, 20.2, 20.3, 25.2, 26.1, 26.2, 26.3, 26.4, 26.7, 28.1, 28.2, 28.12, 28.63, 28.7 e 36.1)
• Macchinari e apparecchi meccanici (NACE 29)
• Materiali ed apparecchi elettronici ed ottici (NACE DL)
• Mobili ed altre manifatture (NACE 36)
• Riciclaggio (NACE 37)
• Commercio all'ingrosso ed intermediazione del commercio (NACE 50 e 51)
• Imbottigliamento ed imballaggio (NACE 21)

SERVIZI
• Trasporti ed attività collegate (NACE I)
• Informatica (NACE 72)
• Telecomunicazioni (NACE 64)
• Risorse naturali ed eliminazione di residui (NACE n.c.)
• I D (NACE 73)
• Formazione (NACE) 80.3 e 80.4)
• Consulenza (NACE 74)
• Assistenza (NACE 74)
• Pubblicità (NACE 74)
• Altre attività imprenditoriali (NACE 74)
NACE: Nomenclatura Statistica di Attività Economiche della Comunità Europea.
VANTAGGI FISCALI DEGLI ENTI ZEC
IMPOSTA SULLE SOCIETÀ
Gli Enti ZEC saranno soggetti all'Imposta sulle Società al tasso impositivo ridotto fino al 2019 in luogo dell'aliquota normale vigente.

IMPOSTA GENERALE INDIRETTA CANARIA(IGIC)
L'IGIC è l'imposta indiretta canaria che grava sul consumo finale, in sostituzione dell'Imposta sul Valore Aggiunto (I.V.A.) comunitaria.
La natura dell'IGIC è simile a quella dell'I.V.A., anche se con differenze importanti, come quella di alcuni oneri impositivi minori, essendo il tasso generale dell'IGIC del 5%.
Nel Regime della ZEC saranno esenti da tributi per l'IGIC le cessioni di beni e prestazioni di servizi realizzate dagli Enti ZEC tra di essi, cosiccome le importazioni di beni realizzate dagli stessi.
ISCRIZIONE DI UN ENTE NEL ROEZEC: PROCEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE
Gli investitori che desiderino insediarsi nella ZEC dovranno ottenere la previa autorizzazione del Consiglio Rettore per diventare un Ente ZEC.
La procedura per ottenere il nulla-osta preventivo si inizia su istanza dell'interessato mediante la presentazione, negli uffici del Consorzio, dei documenti che si elencano:
1. Richiesta di autorizzazione previa per la costituzione di un Ente ZEC.
2. Relazione descrittiva delle attività economiche da sviluppare.
3. Attestazione di aver effettuato un deposito od avallo, per l'importo della tassa d'iscrizione nel Registro Ufficiale degli Enti (ROEZEC).
Il Consiglio Rettore sarà incaricato di esaminare e risolvere la richiesta degli Enti ZEC.
L'ottenimento dell'autorizzazione verrà comunicato espressamente entro un termine massimo di due mesi dalla data di presentazione della richiesta.
Una volta ottenuta la previa autorizzazione dal Consiglio Rettore, l'Ente potrà iscriversi nel ROEZEC, mediante la presentazione dei seguenti documenti:
- Richiesta di iscrizione nel ROEZEC.
- Codice di Identificazione Fiscale (CIF).
- Documento attestante la costituzione dell'Ente con allegato copia semplice.
- Certificato di iscrizione dell'Ente nel Registro Mercantile.

COSTITUZIONE DELL’ENTE ZEC
Prima di procedere all'iscrizione dell'Ente nel ROEZEC, è necessario costituire la nuova società ed iscriverla nel Registro Mercantile (Registro delle Imprese).
Il futuro Ente ZEC dovrà essere una persona giuridica di nuova creazione, il che significa che dovrà adottare una delle forme giuridiche societarie e dovrà essere costituito in conformità a quanto disposto dalla legislazione spagnola.
In via generale, la procedura per la creazione di una società alle Canarie è la seguente:
1. Redazione dello statuto sociale e notificazione al pubblico mediante scrittura pubblica notariale.
1. Ottenimento della tessera provvisoria del Codice di Identificazione Fiscale (CIF) presso l'Agenzia Statale per l'Amministrazione Tributaria (AEAT) ed iscrizione alle imposte.
1. Iscrizione della scrittura pubblica di costituzione nel Registro Mercantile.
TASSE APPLICABILI AGLI ENTI ZEC
Gli Enti ZEC sono soggetti alle seguenti tasse:
1. Tassa di iscrizione al ROEZEC: 746 €
2. Tassa annuale di permanenza nel ROEZEC: 750 €

IL CONSORZIO DELLA ZONA SPECIALE CANARIA
Organismo consorziato tra i governi dello stato spagnolo e quello delle Canarie, iscritto al Ministero delle Finanze, la cui attività è centrata nella supervisione e consulenza agli Enti ZEC; cosiccome promuovere e facilitare i servizi necessari per l'adeguato funzionamento della Zona Speciale e degli Enti autorizzati, tenendo anche la responsabilità del Registro Ufficiale degli Enti ZEC (ROEZEC).
Il Consorzio della ZEC gestirà il processo necessario per il rilascio delle corrispondenti autorizzazioni e la successiva iscrizione delle imprese nel ROEZEC.
Al margine delle funzioni amministrative, il Consorzio metterà al servizio degli interessati e degli Enti ZEC i mezzi necessari, tanto umani come materiali, per agevolare la fattibilità dei progetti imprenditoriali sorti sotto la garanzia della stessa.
 

* * * *
Rimanendo a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento, Vi saluto cordialmente.

Dott. Federico Del Fiume
Roma, 28 gennaio 2014