/images/flash.swf">
Get Adobe Flash player

Portaleaziende

Il portale delle aziende in materia italiane in materia fiscale, societaria e aziendalistica
  1. PAGAMENTO MODELLI F24: MODIFICHE DAL 1° OTTOBRE 2014
    PAGAMENTO MODELLI F24: MODIFICHE DAL 1° OTTOBRE 2014
  2. Nuovi limiti alle compensazioni dei crediti fiscali
    La legge di stabilità per il 2014 (art. 1, comma 574) introduce una nuova “stretta” sulle compensazioni dei crediti fiscali. In particolare, dopo i limiti alla compensazione dei crediti Iva, il legislatore riversa nel comparto delle imposte dirette le misure ivi adottate. Ciò si è reso necessario, secondo quanto riportato nella relazione illustrativa del disegno di legge di Stabilità, in quanto l’analisi dei comportamenti tenuti dai contribuenti ha permesso di evidenziare considerevoli violazioni, spesso riconducibili ai fenomeni dell’abuso e della frode.
  3. Bonus mobili e arredamento
    L’articolo 16 del DL 63/2013 ha riproposto, seppure con modifiche, la possibilità di detrarre fiscalmente le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo di un immobile oggetto di ristrutturazione. Le spese devono essere sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 (tale ultimo termine è stato così stabilito dalla legge di stabilità 2014).
  4. Credito d’imposta per l’acquisto di nuovi macchinari
    Il D.L. n. 91/2014 introduce infatti un credito d’imposta pari al 15% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in beni strumentali realizzati nei cinque periodi d’imposta precedenti, con facoltà di escludere dal calcolo della media il periodo in cui l’investimento è stato maggiore. Nel nuovo provvedimento vengono quindi utilizzate le modalità di calcolo della Tremonti-Bis, non essendo più previsto che l’agevolazione si applichi sull’intera spesa come accadde precedentemente con la Tremonti-Ter.
  5. La doppia iscrizione all’Inps del socio amministratore di SRL
    La discussa questione sulla doppia contribuzione a cui è tenuto il socio/amministratore di una società a responsabilità limitata che svolge attività commerciale, ha trovato un ulteriore quanto definitivo tassello con la sentenza n. 15/2012 della Corte Costituzionale. Questa ha confermato il dettato dell’art.12, co. 11 del D.L. 78/2010 (c.d. “Manovra correttiva”) affermando la legittimità della norma di interpretazione autentica introdotta nel 2010 che prevede l’obbligo della doppia iscrizione all’Inps del socio amministratore sia alla gestione commercianti che alla gestione separata. Ricordiamo come sulla questione tesi contrastanti, che hanno originato nel corso degli ultimi anni un consistente contenzioso, traendo origine dalla duplice normativa di riferimento cui, in teoria, il socio amministratore di dette società può essere interessato sotto il profilo contributivo. Esaminiamo di seguito, la normativa, gli orientamenti e le tesi che hanno generato la controversia.
  6. Fattura elettronica
    dr Andrea D’Este*   La fattura in forma elettronica è stata per la prima volta prevista dalla legislazione comunitaria nella Direttiva 2001/115/CE del 20 dicembre 2001, confluita successivamente nella Direttiva 2006/112/CE. Con tale prima norma la Commissione Europea desiderava semplificare le regole di emissione e di conservazione delle fatture, nonché fornire un elenco armonizzato di […]
  7. Finanziamenti alle piccole-medie imprese (Sabatini-bis)
    dr Carlo Farinati*   Il Governo, attraverso il D.L. 21 giugno 2013, n. 69 convertito, con modifiche, dall’art. 1, L. 09 agosto 2013 n. 98 (Decreto del fare) ha adottato misure per il rilancio dell’economia del Paese ed accrescere la competitività  delle imprese: in particolare, sono state introdotte disposizioni anti-crisi a favore delle piccole e […]
  8. Imposta Unica Comunale, Tari e Tasi
    dr Lisa Volpe* L’ Imposta Unica Comunale, c.d. Iuc, -introdotta dalla recente Legge di Stabilità 2014- in sé considerata non esprime una tassa ed è da considerarsi unica solo apparentemente. Infatti il prelievo fiscale viene realizzato dalle sue componenti che, da un punto di vista patrimoniale, viene imposto con applicazione dell’Imu sugli immobili non esenti […]
  9. Procedura di collaborazione volontaria per il rientro di capitali dall’estero non dichiarati (c.d. “Voluntary Disclosure”)
    Il 29 gennaio 2014, a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore il D.L. 28.01.2014 n. 4 contenente disposizioni urgenti in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero. In particolare, il decreto aggiunge gli artt. da 5-quater a 5-septies al D.L. 28.06.1990 n 167. Scopo della normativa è quello di consentire, attraverso la cosiddetta "voluntary disclosure", definita “collaborazione vontaria”, la regolarizzazione di capitali non dichiarati illecitamente detenuti in territorio sia europeo che extracomunitario. Tale regolarizzazione avviene tramite una richiesta spontanea del contribuente, che deve essere presentata entro il 30 settembre 2015. Lo sconto è concentrato sulle sanzioni, penali e amministrative; la procedura è basata sulla piena trasparenza dell’operazione (non è previsto l’anonimato). Possono avvalersi della procedura gli autori di violazione degli obblighi di dichiarazione commesse fino al 31 dicembre 2013.
  10. Centro Studi Triveneto per la Conciliazione – Convegno del 22.11.2013: La Mediazione alla luce delle recenti modifiche ed il ruolo della Magistratura
        Centro Studi Triveneto per la Conciliazione Convegno del 22 novembre 2013 – La Mediazione alla luce delle recenti modifiche ed il ruolo della Magistratura Presso Centro Congressi della Cassa di Risparmio di Venezia ore 15, 30 saluto del direttore di Banca Popolare di Vicenza ore 15,35 Introduzione dei lavori: dr Giancarlo Tomasin, Presidente […]